Quando inizia la storia dell’aceto?

La storia dell’aceto è legata alla storia dell’uomo.

L’aceto ha una storia antica, conosciuto anche nell’antico Egitto ( ne sono state trovate tracce) e citato più volte nell’Antico testamento, nei testi dell’antica Grecia. Le prime notizie risalgono a circa 8 millenni prima di Cristo, si conosceva già il miele e probabilmente l’aceto di miele. Veniva utilizzato come conservante da numerosi popoli antichi: assiri, romani, greci.

Oxycrat, ossimiele, posca erano alcune delle bevande a base di aceto dell’antichità greca e romana con funzioni corroboranti, dissetanti e disinfettanti e numerose erano le ricette riguardanti la conservazione di ortaggi e frutta con il metodo della marinatura.

Dove non esisteva il vino l’aceto veniva prodotto con il sidro di mele, i fichi, dal miele e veniva aromatizzato con fiori, erbe.

Famoso è l’episodio della spugna inzuppata di aceto offerta al Cristo sulla Croce: si trattava dell’offerta di una bibita rinfrescante e dissetante non di un gesto di disprezzo come alcuni affermano.

Aceto condimento, conservante, disinfettante.

Sono passati millenni e l’aceto è ancora un ingrediente importante nella vita quotidiana moderna

 Molti sono i tipi di aceto che l’uomo nel corso della propria storia ha prodotto: aceto di riso, di patate, di frutta, di miele, di mele, di canna da zucchero, di alcool, di birra, ecc